Mob: (+39) 347.45.38.523    E-mail: [email protected]

Graziano Pascale, Osteopata D.O.

...la vostra salute nelle mie mani...

Domande Frequenti - FAQ

 

  • Quale è la differenza tra l'Osteopatia e la Fisioterapia?
  • Quale è la differenza tra l'Osteopatia e la Chiropratica?
  • Sono utilizzate delle manipolazioni?
  • Le manipolazioni sono dolorose?
  • Ci sono effetti collaterali riguardo il trattamento?
  • Quanti trattamenti sono necessari?

 

Quale è la differenza tra l'Osteopatia e la Fisioterapia?

Gli osteopati guardano il paziente da una prospettiva olistica pertanto trattano la persona nella sua globalità e non solo le aree sintomatiche; i fisioterapisti si concentrano prevalentemente sulla zona sintomatica. Questo perché gli osteopati ritengono che la causa spesso origina in un'altra area del corpo. Di conseguenza molte persone possono entrare con gli "stessi" sintomi, ma le ragioni dei loro sintomi possono essere molto diverse, ne consegue che non esistono due trattamenti osteopatici identici.

Un'ulteriore differenza tra osteopatia e fisioterapia è che in quest'ultima è vasto l'impiego di apparecchiature elettroniche come ad esempio ultrasuoni e diatermia a onde corte mentre l'osteopatia è un approccio esclusivamente manuale.


 

Quale è la differenza tra l'Osteopatia e la Chiropratica?

L'osteopatia e la chiropratica hanno una radice comune: nel 1985 il signor D.D. Palmer iniziò a studiare osteopatia presso la scuola di A.T. Still (fondatore dell'osteopatia) negli Stati uniti. Nel 1986 Palmer fondò la sua scuola di chiropratica perché era in disaccordo con alcuni principi dell'osteopatia.

L'osteopatia crede che un disturbo del movimento nelle parti del corpo porti ad un cattivo approvvigionamento di sangue ai nervi e ai tessuti molli locali causando la malattia. La chiropratica crede che un cattivo posizionamento della colonna vertebrale porti ad un intrappolamento dei nervi e questo è la causa di tutte le malattie.

Questa diversa radice teorica ha portato nel corso del tempo ad approcci differenti:
I chiropratici si concentrano soprattutto sul posizionamento della colonna vertebrale, utilizzando spinte specifiche a livello vertebrale. Gli osteopati possono utilizzare tecniche manipolative ma anche tecniche sui tessuti molli, tecniche articolatorie e varie altre tipologie di tecniche per dare mobilità ad un'area, con la possibilità di lavorare sia nella zona sintomatica ma anche distante da essa (approccio olistico).
I chiropratici agiscono maggiormente sulla colonna vertebrale; gli osteopati agiscono sia sulla colonna vertebrale che nel resto del corpo (arti, visceri etc.).


 

Sono utilizzate delle manipolazioni?

La risposta è: a volte. Talvolta non vengono utilizzate, particolarmente se il paziente non vuole che siano utilizzate su di esso oppure se possono essere pericolose in quel particolare paziente. È opportuno ricordare che, come parte della formazione di un osteopata, le indicazioni per il NON utilizzo di una determinata tecnica (manipolazione o altro) sono accuratamente insegnate. Le manipolazioni sono solo una delle molte tecniche a disposizione di un osteopata. L'osteopata dovrebbe personalizzare il trattamento in base alle necessità del paziente.


 

Le manipolazioni sono dolorose?

Le manipolazioni non sono dolorose, ma a volte può essere avvertito un certo disagio, anche con tecniche dolci sui tessuti molli. Alcune delle tecniche utilizzate possono essere percepite come inusuali ma esse non dovrebbero mai causare dolore. L'osteopata dovrebbe essere attento ai tuoi sintomi e non procedere con una tecnica se questa causa disagio. Bisogna essere al corrente che vedere un osteopata non significa sempre essere manipolati, molti trattamenti di successo non richiedono manipolazioni.


 

Ci sono effetti collaterali riguardo il trattamento?

Gli effetti collaterali sono insoliti, tuttavia dopo il trattamento potresti sentire della stanchezza o dell'indolenzimento che in genere scompaiono entro 2 giorni. L'osteopatia è un approccio molto sicuro ed efficace.


 

Quanti trattamenti sono necessari?

Il numero di trattamenti necessario dipende dalla condizione e dalla persona che viene trattata, ne consegue che non c'è un numero predefinito di trattamenti ai quali il paziente si dovrebbe sottoporre. Generalmente problemi che si sono presentati di recente si risolvono velocemente da uno a tre trattamenti, condizioni più croniche richiedono maggior tempo di risposta. L'osteopata discuterà la situazione individuale del paziente al suo primo appuntamento. L'obiettivo dell'osteopata è quello di rimetterti in salute nel più breve tempo possibile. Il tempo di recupero dipende da molti fattori come età, salute generale, sensibilità al trattamento ed attività svolte.